Cosa intendo per fisioterapia alterativa e olistica? Perché ho deciso di dedicarmi a questo tipo di cura un po’ lontana dalla tanto nominata e blasonata Evidence Based Medicine? Perché l’alternativa e olistica invece di quella che va più di moda?

Che io sia strana, direi che non ci sono dubbi, chi di voi mi conosce sa benissimo che non ho proprio tutte le rotelle al posto giusto, ma sa anche che dedico sempre anima e cuore a ciò che faccio e alle persone che seguo. Sono professionalmente nata in una culla di medicina scientifica, ho studiato in una università (Vita e Salute San Raffaele), che ritengo ancora oggi una delle migliori, lì non si muove un passo se non ci sono studi scientifici  che avvalorano i trattamenti e tutto ciò che di nuovo si studia e si propone proviene sempre e comunque da solide basi scientifiche, per anni ho ragionato solo secondo questo “credo”; da anni vado ribadendo  che tutte le terapie fisiche NON sono supportate da una letteratura scientifica valida e quindi “non servono ad un tubazzo”, non le ho mai volute nel mio studio e nella mia pratica clinica, da anni lavoro solo con le mie mani e continuerò a farlo.

Ma, da circa 2 anni, e, con l’istinto probabilmente da sempre, mi sono resa conto che tantissime persone non hanno solo mali fisici e spessissimo i loro mali fisici non vengono solo da ossa e muscoli, ma da molto altro, e quest’altro cos’è? Onestamente credo che ognuno di noi sia davvero un mondo diverso dall’altro, sta di fatto che tutti siamo fatti di energia e viviamo in un mondo di energia, ma di questa ne sappiamo tutti decisamente troppo poco! Eppure luce , suono, elettricità e molto altro sono tutte forme di energia e, questo lo sappiamo con certezza, ci influenzano tantissimo, basti pensare al miglioramento del rendimento di una corridore che ascolta musica motivante rispetto a chi non sente nulla, come è possibile che la musica faccia correre più forte?

E allora perché escludere queste forme di energia anche dalla terapia? Perché non pensare che possa esistere una fisioterapia alterativa e olistica che utilizzi questi strumenti per il benessere delle persone? Perché non pensare che la mia energia possa aiutare le altre persone a stare meglio e quindi avere magari meno mal di testa o meno mal di schiena?

Studiando, ho scoperto che ci sono tantissimi lavori scientifici anche su queste pratiche, per esempio, ma ve ne parlerò nel dettaglio in un altro articolo dedicato, sull’efficacia della riflessologia plantare sul mal di schiena e sul mal di testa, oppure tantissimi studi sulla fisioterapia alternativa per i disturbi intestinali, oppure tanti  professionisti sanitari che utilizzano il rieiki per migliorare la salute dei loro pazienti, insomma la fisioterapia alterativa e olistica esiste eccome, e io ne voglio fare parte!

Quest’oggi ho voluto raccontarvi un po’ di me, del mio essere e di ciò in cui credo, spero possa avervi dato una prospettiva diversa sulle possibilità terapeutiche.

Per questo percorso che sto facendo devo ringraziare con il cuore in mano il mio maestro Davide e tutte le persone che credono in questa realtà alternativa, grazie, siete tutti preziosi.

Silvia

www.fisioterapialegnano.it